responsive

Strategie di mobile marketing: quali sono gli ultimi trend della comunicazione multicanale by luca nogara

Smartphone e tablet hanno frammentato il viaggio del consumatore che oggi si compone di migliaia di istanti che nascono, di volta in volta, da esigenze diverse e specifiche. Dallo ZMOT ai micro moments, come si progetta un percorso interattivo in chiave mobile che va a moltiplicare i punti di contatto tra brand e consumatori? Ecco alcuni suggerimenti utili per far crescere le opportunità di ingaggio e il fatturato sfruttando le potenzialità dello strumento tecnologico più personale di tutti: lo smartphone

fonte:  digital4.biz  . l'articolo originale  qui

fonte: digital4.biz . l'articolo originale qui

C'è la multicanalità e c'è la mobile experience. Sembrano la stessa cosa ma, in realtà, non lo sono. Gestire la mobile experience nell'era della multicanalità, infatti, significa tante cose: intercettare nuove esigenze, costruire diversi canali di relazione, progettare format di comunicazione più innovativi, immaginare touch point inediti atti a favorire le interazioni tra il mondo fisico e il mondo digitale, ragionare responsive per garantire che i messaggi siano sempre leggibili da qualsiasi dispositivo, il tutto analizzando scelte e feed back. 

Perché farlo è chiaro: l'Osservatorio Mobile B2C Strategy del Politecnico di Milano ha evidenziato come solo in Italia oggi una persona su due, in età compresa tra 18-74 anni, naviga in rete da dispositivo mobile. Prendendo a campione lo scorso novembre 2015, gli italiani presenti online sono stati 22.2 milioni: 18.4 milioni da device mobili e 12.2 milioni da desktop. In aumento anche il tempo trascorso in rete (1 h e 58 min.) con più del 70% di traffico generato da dispositivi mobili. Per il marketing questo è molto più di un target: è un business a capacità infinita, che si operi nel retail, nel manufacturing, nell'entertaiment, nei servizi, nelle utility o in qualunque altro settore. Non a caso la pubblicità in chiave mobile è salita del 53%.

Marketer, ma quanto sei phygital?

Studiare una strategia di mobile marketing efficace richiede una competenza multidisciplinare. Bisogna triangolare vision, tecnologie e skill, ragionando su due livelli: fisico e digitale. Rispetto alle strategie di marketing tradizionali, la differenza sostanziale sta nel fatto che i dispositivi mobili sono diventati dei punti di contatto strategici non solo perché le persone possono navigare, leggere i messaggi o gestire la posta elettronica. L’apertura delle e-mail da Mobile, ad esempio, è un fenomeno in rapida crescita. Secondo gli ultimi dati resi noti da Easysendy, infatti, è un’abitudine comune controllare il 90% delle proprie e-mail su uno smartphone, perciò è indispensabile sviluppare le newsletter aziendali e le campagne via e-mail progettando un design “mobile responsive”. Partiamo dal dato che, su 2,6 miliardi di utenti che usano le e-mail, 0,9 sono utenti desktop e 1,7 miliardi sono utenti mobile; riguardo l’open rate, è interessante osservare che nel settore abbigliamento il tasso di apertura da mobile è al 47%, mentre da desktop è al 53%. Nel travel & hospitality la differenza è ancora schiacciante e a favore del desktop, che arriva al 69%, contro il 31% delle aperture via mobile. Per quanto concerne le conversioni, i dati sono piuttosto simili (per esempio 70% desktop contro 30% mobile per il settore travel), tuttavia il dato sulle condivisioni delle e-mail fornisce un’informazione preziosa: gli utenti sono più propensi a condividere da mobile anziché da desktop. Infatti nel 2016 (il dato più recente), il 55% degli utenti ha condiviso da smartphone o tablet la mail ricevuta da un brand, e solo il 16% lo ha fatto da desktop.

Oggi, grazie all'uso di app ma anche di soluzioni come i qr code, i tag NFC o i beacon, smartphone e tablet consentono al marketing di innestare formule di ingaggio in cui il brand propone una call to action e il consumatore ha di fronte diverse opzioni. Questo significa saper progettare il customer journey usando non soltanto una combinazione di tecnologie per innescare l'ingaggio, ma anche di pianificare un palinsesto strutturato di azioni e di servizi associati al percorso fisico e digitale del cliente che si muove in un'area dinamica costituita da uno spazio fisico (off line) e da un universo digitale (on line).

Il tutto partendo da un presupposto fondamentale: una comunicazione di successo mobile ha bisogno di un web responsive design. Il mobile marketing deve tenere conto delle nuove tecniche di progettazione dei siti, in modo da garantire che i contenuti si adattino automaticamente al dispositivo da cui vengono letti. Senza entrare nel dettaglio significa utilizzare degli HTML adeguati al device, altrimenti i messaggi, per quanto risolti e funzionali dal punto di vista della grafica e della comunicazione, risulteranno illeggibili. 

Segue poi il tema più concettuale della call to action, legata alla progettazione di:

  • un format: banner, bottone, landing page, newsletter, SMS
  • una grafica adeguata, cioé accattivante e funzionale
  • un copy efficace, cioé ingaggiante e convincente
  • uno storytelling di riferimento, capace di creare un contesto di senso interessante
  • un percorso interattivo che va a moltiplicare i punti di contatto del brand sulla mappa del customer journey

In questo senso il marketing diventa phygital (physical & digital)

Zmot: non uno ma tantissimi micro moments

A questo proposito il Signore dei browser insegna. Google, infatti, dopo aver analizzato e identificato lo Zero Moments Of Truth (ZMOT) come istante cruciale nel processo che porta alla decisione d'acquisto, ha scoperto un altro tassello importante del customer journey: imicro moments. Il principio del ragionamento è semplice: smartphone e tablet hanno frammentato a tal punto il viaggio del consumatore che oggi si compone di migliaia di istanti che nascono, di volta in volta da esigenze diverse e specifiche.

Se lo Zmot rappresenta l’istante in cui allo stimolo segue la vera decisione che porta il consumatore a volersi impossessare di un certo bene, i micro moments sono quei momenti di interazione, per loro natura brevi e ripetuti, che moltiplicano la quantità di ZMOT rispetto al customer journey del cliente smartphone dotato.

Grazie alle peculiarità del Mobile, i brand possono studiare le loro nuove strategie di ingaggio, più precise e più personali che mai, trasformando i micro moments in punti preferenziali di contatto, che coprono qualsiasi tempo e qualsiasi luogo. Come deve cambiare l’approccio del marketing digitale per sfruttare questi momenti di interazione? Gli esperti di Google svelano il segreto: giocando di anticipo rispetto ai bisogni degli utenti, offrendo esperienze capaci di permanere nella mente del consumatore. Come? Secondo 4 regole fondamentali:

  1. Esserci Come? Moltiplicando la presenza nei diversi punti del Customer Journey, imparando a sfruttare una strategia convergente e integrata
  2. Essere utili Come? Dando ai consumatori contenuti per loro rilevanti. Content is the King vale anche in una strategia mobile
  3. Essere veloci Come? Garantendo una mobile experience intuitiva, fluida e rapida. Non ci devono essere punto di attrito o di freno
  4. Essere intelligenti Come? Misurando con precisione il ritorno delle campagne. Questo guiderà le successive scelte di comunicazione in base a dati accurati

Comunicazione bidirezionale: ascoltare per farsi ascoltare

Questa nuova bidirezionalità del mobile marketing obbliga a un ripensamento della comunicazione alla luce delle nuove possibilità offerte dai sistemi di tracciamento e misurazione dei comportamenti on line. Impression, numero di click, rapporto tra impression e click (CTR - Click Through Rate), quantità di lead o di vendite generate da un'azione di mobile marketing, ad esempio, aiutano a gestire tramite algoritmi e sistemi di analisi (Web Analytics) una serie di informazioni preziose per capire se l'andamento della strategia è più o meno efficace e intervenire in modo proattivo.

Oggi, ad esempio, l’utilizzo di tecniche di Lead Scoring consentono ai brand di analizzare le interazioni degli utenti, misurarle in ottica temporale attribuendo punteggi basati sul comportamento (behavior) e sui dati acquisiti (demographics) nelle diverse esperienze di contatto. La possibilità di comprendere in dettaglio il comportamento degli utenti giunge fino alla possibilità di predire azioni e attitudini successive, siano esse conversioni (funnel) che specifici eventi.

Le analisi aiutano a profilare al meglio gli utenti mobili e a definire servizi ad alto tasso di personalizzazione. Questo garantisce un grado di esperienza superiore, aumentando l'efficacia dell'interazione.

Uno dei vantaggi della digital transformation è che oggi esistono piattaforme per la gestione di tutti questi aspetti, che consentono di creare, distribuire e misurare le compagane di marketing in chiave mobile, risolvendo tutto il percorso della comunicazione multicanale dall'invio di un SMS alla condivisione sui social per arrivare alla pubblicazione on line di una landing page. Il tutto misurando le performance attraverso analitiche di dettaglio, secondo il miglior Big Data Management.

 

La fotografia del mobile commerce in Italia

Con una crescita del 63% rispetto al 2015, la spesa degli italiani in mobile commerce ha raggiunto, a fine 2016 (ultima rilevazione disponibile dell’Osservatorio Mobile B2C Strategy del Politecnico di Milano), quota 3,3 miliardi di euro triplicando in due anni il suo valore. Oggi arriva a pesare per ben il 17% sul giro d’affari complessivo del commercio elettronico nel Belpaese, e in alcune realtà la percentuale sale addirittura al 50%. Sul fronte dei prodotti commercializzati giocano un ruolo fondamentale sia i siti con modelli di business in cui conta l’istante d’acquisto (ad esempio i siti di “flash sales”) sia le iniziative (in primis in marketplace) che hanno investito per offrire una customer experience semplice ed efficace, ottimizzata per il canale mobile. A livello di servizi, è preponderante l’acquisto di biglietti di trasporto (aerei e ferroviari) e la prenotazione di alloggi (in hotel e case private). In generale, però, sottolineano gli esperti del Polimi, cresce la familiarità degli utenti verso gli acquisti da smartphone e tablet, con prospettive di sviluppo interessanti per tutti i settori.

Mobile app aziendali in stallo: si torna ai siti responsive. Gartner spiega perché by luca nogara

Più del 25% delle aziende globali non ha pubblicato mobile app negli ultimi 12 mesi. Tra i motivi spicca la lentezza nello sviluppo, che spinge i manager delle line of business ad "aggirare" il dipartimento IT. Intanto si sentono già gli effetti dell’era post-app: a governare saranno bot, assistenti virtuali e wearable device

fonte: digitl4.biz - potete leggere l'articolo originale qui

Un quarto delle grandi aziende mondiali non ha messo in cantiere mobile app nell'ultimo anno. E le organizzazioni che lo hanno fatto, hanno distribuito una media di otto applicazioni mobili, un dato che è rimasto invariato se confrontato con il 2016. Lo rivela un recente studio firmato da Adrian Leow, research director di Gartner. Guardando alla media delle aziende interpellate (163 gli intervistati tra professionisti IT e business leader di grandi aziende presenti in Usa, Regione Emea, America Latina e area Asia/Pacific), pare che attualmente ci siano poco più di 2 applicazioni ad azienda in fase di sviluppo e circa 6/7 quelle in pianificazione per i prossimi 12 mesi.

Ma non dovevamo entrare nell’era dell’app economy?

“Molti team IT avranno ritardi significativi nel completamento delle fasi di sviluppo delle applicazioni aziendali, aumentando di conseguenza il rischio che le line of business (LOB) aggirino l’IT stesso per ottenere risposte più rapide”, è il primo commento di Leow. “È ormai tempo che questi team ridefiniscano le loro priorità ed estendano il controllo e la pianificazione anche sulle app per dispositivi mobili altrimenti i rischi di erosione dei budget IT e la perdita di valore del dipartimento IT si innalzeranno ulteriormente”.

È finito il tempo delle mobile app native?

Analizzando in dettaglio i numeri relativi alle previsioni delle aziende, “è incoraggiante vedere una crescita significativa del numero di applicazioni mobili che sono ‘in lavorazione’ o previste per i prossimi mesi - commenta Leow - ma è sconfortate notare come la maggior parte della crescita la registreranno applicazioni web fruibili anche da dispositivi mobili (cioè applicazioni web responsive) e non mobile app native. Significa che molte aziende, frustrate dallo sviluppo di app mobili, si stanno rifocalizzando sui siti responsive per rispondere alle esigenze Mobile"

 

Ma c’è un’altra interessante chiave di lettura che emerge dall’indagine di Gartner: il 52% degli intervistati afferma di aver intrapreso percorsi di esplorazione o addirittura adozione di bot, chatbot e assistenti virtuali all’interno dei processi di sviluppo di mobile app, un quadro singolarmente molto innovativo considerando la natura piuttosto giovane di queste tecnologie.

È l’era post-app, ma c’è ancora qualche barriera da superare

Il fenomeno viene “classificato” dalla società di analisi americana come era delle post-appche non va in contrapposizione né sostituisce l’app economy ma caratterizza un nuovo periodo storico dove le app tradizionali - scaricabili da un app store e installate sui device mobili - rappresenteranno solo una parte delle funzionalità e dei servizi che potranno essere erogati agli utenti mobili (attraverso vari sistemi IoT, wearable device nonché bot e assistenti virtuali stessi).  

Le prospettive sembrano rosee ma ci sono ancora alcune barriere da superare, avverte Leow. Secondo lo scenario che emerge dall’indagine condotta alla fine del 2016, infatti, la mancanza di budget, le lacune nelle competenze degli sviluppatori e il poco tempo a disposizione rappresentano ancora barriere molto diffuse e impediscono che si “faccia il salto” verso uno sviluppo applicativo più efficace. Tra gli altri limiti rilevati, anche la difficoltà di trarre benefici economici diretti dal rilascio delle applicazioni mobile, criticità che però Leow attribuisce alla “mancanza di comprensione delle esigenze del cliente da parte dei team di sviluppo”.

L’analisi di Leow non si ammorbidisce nemmeno quando entra nel dettaglio della spesa IT e di come questa viene allocata per lo sviluppo applicativo: “nonostante gli intervistati dichiarino nel 68% dei casi di prevedere un aumento della spesa per le mobile app, la media delle proporzioni ci dice che solo l’11% del budget totale dedicato al software viene destinato alle applicazioni mobili”.

In questo caso, il vecchio detto “tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare’ sembra più che mai appropriata.